Home » News » LA VIA MAESTRA

LA VIA MAESTRA

LA VIA MAESTRA - Adusa

Art. 2:  La Repubblica  riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri 

dare applicazione agli articoli

2 – 3 – 53 

 

Art. 2:  La Repubblica  riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

 

Art. 3: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

 

Art. 53Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.  Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.

 

 

 La Costituzione  prevede la

 

DEDUZIONE DI TUTTE LE SPESE PRIMARIE !

 

(es. bollette, libri scolastici, prestazioni sanitarie)

 

L'attuale sistema fiscale è anticostituzionale

 

 


Le parole dei Costituenti nella seduta del 25 maggio 1947
:

 

 "Non si può negare che il cittadino, prima di essere chiamato a corrispondere una quota parte della sua ricchezza allo Stato per la soddisfazione dei bisogni pubblici, deve soddisfare i bisogni elementari di vita suoi propri e di coloro ai quali, per obbligo morale e giuridico, deve provvedere."

 

Articolo 53 = equità + chiarezza + solidarietà

 


"Se poi consideriamo che più dei tributi diretti rendono i tributi indiretti sui consumi, si vede come in effetti la distribuzione del carico tributario costituisca una grave ingiustizia a danno delle classi più povere. Questa ingiustizia deve essere eliminata. Ci sono eccezioni, troppe differenze di trattamento tra varie categorie di contribuenti, lesive del principio di uguaglianza e di solidarietà sociali presenti in questa prima parte di Costituzione".  25 maggio 1947

 

commenti (0)
Adusa

L'Associazione Movips, non ha fini di lucro, persegue quali principi ispiratori, finalità di solidarietà, promuovendo la competitività e la partecipazione sociale.